Bollo auto maggiorato per sbaglio, ecco come riavere i soldi

Cornelia Mascio
Febbraio 8, 2017

La notizia è stata riportata dal 'Sole 24 Ore' ed è diventata virale in poche ore in rete. Risultato? Molti automobilisti si sono visti addebitare un importo maggiorato del 30 per cento, nonostante il pagamento fosse regolare, tempestivo e nei termini.

Il disguido tecnico, risolto nel giro di qualche ora, ha affibbiato la sovratassa soprattutto a quegli utenti che hanno pagato attraverso uffici postali, tabaccherie, sportelli bancari e altre modalità di pagamento fai da te. Le agenzie di pratiche auto sono state bloccate dagli operatori Sogei, che avevano intercettato l'anomalia.

Cosa fare allora per evitare il pagamento? Per quanto riguarda il Molise e il Veneto e le Marche, il reclamo va rivolto alla Regione, mentre nel caso di Friuli e Sardegna l'istanza va presentata all'Agenzia delle Entrate. Gli uffici regionali stanno già curando autonomamente la verifica dei dati dei contribuenti interessati per provvedere senza ritardo alle istanze di rimborso che arriveranno. Per ottenere il rimborso bisogna presentare un'istanza con la copia della ricevuta del pagamento.

Sono tanti i cittadini che in questi giorni stanno ricevendo una cartella di Equitalia con la richiesta di pagamento del bollo auto relativo all'anno di imposta 2013. In questo caso si parla di "ravvedimento operoso veloce", se avviene entro il 14esimo giorno: le sanzioni per il ritardo in questa condizione corrispondono solo a una maggiorazione dello 0,1% al giorno. Si paga una volta l'anno.

Il 31 gennaio scorso, in concomitanza con la scadenza più importante per il bollo auto, i sistemi di calcolo dell'importo gestiti dalla Sogei (società di informatica statale che opera prevalentemente in campo fiscale), sono andati in tilt.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE