Sciopero taxi Roma, Milano e Napoli: oggi 21-2-2017 incontro con Delrio

Aristofane Mori
Febbraio 21, 2017

In questo caso l'emendamento, firmato dai senatori del PD Linda Lanzillotta e Roberto Cociancich, prevede di allungare di un anno il tempo che il ministero dei Trasporti ha per emanare un nuovo regolamento sul trasporto che avrà l'obiettivo di combattere i tassisti abusivi.

A partire dalla mattinata di oggi, lunedì 20 febbraio, i taxi si fermano anche a Napoli. Questo emendamento, secondo i tassisti, spianerebbe la strada alle multinazionali come Uber e alle auto a noleggio con conducente (Ncc). Uno striscione recita 'Il servizio pubblico taxi non è in vendita '. Questa è una delle poche argomentazioni che, violando ogni principio logico, i difensori della libertà di Uber adducono in difesa delle loro tesi. Intorno alle 4 l'autista di una berlina scura ha infatti minacciato con una pistola - rivelatasi poi giocattolo - alcuni tassisti che gli si erano avvicinati e gli avevano imbrattato con le uova.

In vista dell'appuntamento fra le sigle dei tassisti e il ministro, anche le associazioni di categoria e dei consumatori rivolgono alcune richieste a Delrio. "Auspichiamo che il ministro - sottolinea Alessandro Genovese, segretario nazionale dell'Ugl Taxi - possa mantenere fede agli impegni e ritiri l'emendamento". Sulla protesta dei tassisti nei prossimi giorni potrebbe intervenire anche l'Autorità di garanzia sugli scioperi. "A oggi - fanno sapere dall'Authority - ha risposto solo la Prefettura di Genova, Firenze e Milano". Nelle prossime ore, "non appena avremo gli altri riscontri dalle Prefetture apriremo un procedimento di valutazione che la legge ci impone entro 60 giorni di chiudere".

Lo sciopero dei taxi va avanti, arrivando ormai al quinto giorno consecutivo di blocco praticamente in tutta Italia. Ora il servizio si chiama Uber X, un servizio 2.0, che funziona esattamente come prima, ma senza più rappresentare il pomo della discordia. In sostanza, ciò che chiedono i proprietari di taxi è che il governo introduce il divieto di sosta in parcheggi nei comuni in cui è presente e attivo un servizio di taxi.

Non si sono fermati neppure di fronte a una collega donna che stava lavorando: l'hanno inseguita, si sono affiancati, l'hanno intimidita, hanno ordinato al cliente di non pagare la corsa. Sono tuttavia garantiti i servizi per i disabili e per chi deve andare in ospedale, mentre per le tratte da e per l'aeroporto di Fiumicino sono stati attivati dei servizi di navetta ad uso esclusivo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE