Buscaglia contro tutti: maxi querela per gli insulti subiti

Modesto Morganelli
Febbraio 27, 2017

Più che una querela sembrerebbe una class action visto che sarebbero oltre 700 le persone chiamate in causa.

L'accusa è di diffamazione aggravata, e riguarda una lunga serie di insulti che l'esponente del M5S ha ricevuto su Facebook. Un fatto che, anche sull'uso corretto dei social, farà discutere.

La vicenda è legata ai poliziotti italiani protagonisti dell'uccisione di un presunto attentatore terroristico di Berlino, avvenuta Sesto San Giovanni, che tante polemiche aveva generato su Internet. "Ricoveratela". La consigliera comunale poi dopo le prime reazioni di rabbia di chi vedeva mettere sullo stesso piano la vita di poliziotti a quella dei terroristi, aveva prontamente rimosso il post di "denuncia", dimenticando che, parafrasando il suo leader Beppe Grillo, "in Rete resta tutto".

Ora la Buscaglia ha deciso di passare alle vie legali presentando querele contro quanti, oltre 700, avrebbero pubblicato commenti offensivi e da lei ritenuti diffamatori.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE