Lucignano (Arezzo): diciottenne uccide il padre a fucilate durante una lite

Remigio Civitarese
Febbraio 27, 2017

Un ragazzo di 18 anni ha ucciso il padre con un fucile, poi ha chiamato i carabinieri e si è costituito. È successo nella notte tra domenica e lunedì, circa una mezz'ora dopo la mezzanotte, in una villetta alle porte di Lucignano, in provincia di Arezzo. In base ad una prima ricostruzione, si tratterebbe di un delitto d'impeto.

La vittima è Raffaele Ciriello, un fabbro di cinquantuno anni. Sul posto il 118 per i soccorsi risultati ormai vani. Il giovane è stato arrestato dai carabinieri. Sul caso indagano i carabinieri della compagna di Cortona guidati dal tenente Monica Dallari, raggiunti sul posto dal pm Laura Taddei. Resta infatti tutta da chiarire la dinamica dei fatti che hanno trasformato un diverbio in omicidio.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE