Oscar 2017: Caos La La Land-Moonlight, in rete impazza la parodia

Brunilde Fioravanti
Marzo 1, 2017

Tutti i suoi autori e attori sono saliti sul palco e hanno iniziato a ringraziare, finché poco dopo la notizia choc: l'attore non aveva letto il nome giusto, che era invece Moonlight di Barry Jenkins. Colpa di una busta sbagliata, consegnata a Warren Beatty, con l'indicazione di "La La Land" quale migliore film. Sono loro a dare le buste a chi deve dare l'annuncio e sono loro, per forza di cose, ad avere dato a Warren Beatty e Faye Dunaway quella sbagliata.

Un errore che non era mai avvenuto in 89 anni ma che ha, all'origine, una "leggerezza" più che comprensibile visto che il colore delle buste è lo stesso: il rosso. E' "Moonlight" il miglior film. Dal palco la condanna più forte arriva dal filmaker iraniano Asghar Faradi che vince l'Oscar per il miglior film straniero, il Cliente. Ogni volta che un presentatore o una presentatrice sale sul palco gli viene fornita una busta subito prima dell'ingresso in scena. I membri dell'Academy sono stati conquistati dalla struggente interpretazione di Casey Affleck in "Manchester by The Sea" di Kenneth Lonergan (che prende il premio per la Miglior sceneggiatura originale), soffiando l'Oscar a Ryan Gosling.

La serata è iniziata con una vittoria italiana: Alessandro Bertolazzi e Giorgio Bertolini avevano infatti vinto la seconda statuetta della serata, per il trucco e le acconciature del blockbuster targato Marvel Suicide Squad. Farhadi non è andato alla cerimonia degli Oscar a ritirare il premio, scegliendo di boicottare l'evento dopo l'adozione del provvedimento - in seguito sospeso su richiesta della magistratura - che vietava l'ingresso negli Stati Uniti ai cittadini di sette paesi a maggioranza islamica, compreso l'Iran.

Il film favorito però porta a casa ben 6 statuette: Migliore Attrice per Emma Stone, Miglior Regista, Migliore Colonna Sonora, Migliore Scenografia, Migliore Canzone e Migliore Fotografia.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE