Corea del Nord lancia 4 missili in mare al largo Giappone

Aristofane Mori
Marzo 6, 2017

Quattro missili sono stati lanciati verso il Mar del Giappone intorno alle 7 del mattino (ora della regione, le 11 di domenica notte in Italia) e hanno compiuto una traiettoria di circa mille chilometri prima di cadere nell'oceano, in un'area definita "di competenza economica del Giappone". La Guardia costiera ha anche predisposto l'utilizzo di navi nelle acque interessate e ha avvisato le imbarcazioni nell'area di non avvicinarsi ai frammenti dei missili sparsi in mare. Ora il minstero della Difesa nipponico è impegnato nella ricerca dei resti dei quattro missili.

Nuova provocazione militare dalla Corea del Nord.

La Corea del Nord ha lanciato quattro missili balistici nelle acque al largo delle coste orientali del Giappone. Pechino "si oppone" ai test missilistici della Corea del Nord, ma allo stesso tempo, riferendosi alle manovre militari congiunte di Seul, osserva che "sotto le attuali circostanze tutte le parti dovrebbero esercitare autocontrollo ed evitare ogni cosa che possa provocare gli altri o alzare le tensioni regionali". Il premier della Corea del Sud si trovava in visita al nuovo presidente eletto Donald Trump.

Forti reazioni negative al lancio sono già venute anche dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti. Ferma la condanna degli Stati Uniti, che ha promesso, dopo l'azione della Corea del Nord, di "ricorrere a tutto quanto a sua disposizione contro questa minaccia crescente che viola le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite".

Non si è fatto attendere neanche il commento di netta condanna da parte della Farnesina: il ministero degli Esteri ha rilasciato una nota in cui si afferma che i test portati avanti rappresentano un ostacolo alla pace e alla sicurezza internazionali.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE