Ciao Er Monnezza. Se n'è andato Tomas Milian

Brunilde Fioravanti
Marzo 23, 2017

Il linguaggio scurrile e i modi da tamarro di alcuni personaggi dei suoi film tra commedia e poliziesco rimangono indimenticabili cosi come rimarrà indimenticabile lui, Tomas Milian che ieri è morto a 84 anni nella sua casa di Miami.

Da noi, Milian si era imposto dapprima come attore drammatico, lavorando con registi del calibro di Visconti e Maselli.

Cinema in lutto, è morto Tomas Milian.

Nel 1964 si era sposato con Rita Valletti, dalla quale aveva avuto un figlio (Tomas Jr) e di cui è rimasto vedovo nel 2012. Intervistato all'epoca dall'emittente radiofonica Centro Suono Sport, aveva dichiarato la sua passione per Totti e per la Roma, al telefono con Antonello Venditti, anche lui collegato al telefono: "Amo Er Monnezza più di me stesso: quindi, sono della Roma come lui e come Antonello". Ed è proprio nel Bel Paese che, all'inizio degli anni '70, il suo talento recitativo viene impiegato prima per la realizzazione di film del filone spaghetti western e, successivamente (1976), per pellicole poliziesche divenute in breve tempo dei veri e propri cult del genere, ambientati nella Roma popolare e colorita degli anni Settanta.

Tomas Milian e la musica a Roma. L'attore di origine cubana aveva compiuto 84 anni il 3 marzo scorso. Tra i personaggi che ha interpretato, però, il più amato è e rimarrà quello di Er Monnezza. L'8 ottobre 2014, dopo una lunga gestazione, uscì la sua autobiografia, scritta con la collaborazione di Manlio Gomarasca, Monnezza amore mio.

Nato a L'Avana alla fine degli Anni Cinquanta inizia la sua fortunata carriera italiana.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE