Insigne, che retroscena. L'agente svela: "Milan? Ho incontrato Mirabelli, vi dico tutto"

Paola Ditto
Aprile 25, 2017

"Il rinnovo di Insigne è qualcosa di importante per il club, la città e soprattutto per Lorenzo". La società sta gettando le basi per un futuro importante.

"SI', AVEVO INCONTRATO MIRABELLI"- Dopo tante incomprensioni, malumori, e incontri andati male, Lorenzo Insigne ha ufficialmente rinnovato il suo contratto con il Napoli fino al 30 giugno 2022. Abbiamo fatto la nostra richiesta, ma poi è stata determinante la qualità del giocatore: se manca la materia prima, è inutile discutere. Sorrido quando bravi procuratori sono bravi comunicatori e focalizzano l'attenzione sulla loro bravura: dietro c'è sempre la capacità del procuratore, sì, ma se non c'è il giocatore è inutile portare avanti trattative. "Lorenzo è l'emblema di un ragazzo che nasce in una famiglia umile, ma raggiunge vette importanti e per cui può essere un esempio per tutti". Questo rinnovo Insigne se l'è guadagnato sul campo. Sono contento dell'accordo raggiunto, è stato essenziale il valore della passione e del sentimento d'appartenenza nonchè la capacità di non mollare mai. Timore di non chiudere? De Laurentiis è una persona molto intelligente con idee chiare ed un progetto ben definito, bisogna dare atto al presidente di aver sostituito dei campioni con un progetto concreto di volta in volta. Un po' di dubbio c'era venuto, ma sembrava inverosimile, perchè vedevamo bene il progetto societario. Il palo contro il Sassuolo? E' stato sotto gli occhi di tutti, però, che il Napoli avrebbe meritato la vittoria. "Il palo interno di Lorenzo, l'incrocio di Mertens sono stati episodi sfortunati, ma la squadra ha già voglia di rimettersi in gioco nella prossima partita".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE