Carabinieri recuperano due importanti tele del Seicento rubate a Vicenza nel 1984

Aristofane Mori
Mag 19, 2017

Le opere, restituite all'Ipab di Vicenza, erano state rubate all'interno dell'Oratorio delle Zitelle, in contrà Santa Caterina, nella stessa sede dove oggi sono state riconsegnate a distanza di 33 anni.

Solo per qualche ora, i dipinti, che rappresentano "Sant'Orsola che affronta il martirio" (realizzata dal vicentino Maffei), e il "Sant'Antonio in adorazione del Bambin Gesù", del veneziano Carpioni, sono state ricollocate dove si trovavano in origine, vale a dire nelle cappelle dedicate, oltre che alla Vergine, a Santa Cecilia e a Sant'Antonio e a Sant'Orsola.

Le opere sono state ritrovate dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale in Genova nel 2013 in un castello di Alba, in provincia di Cuneo, ma è stato possibile riportarle a Vicenza solo dopo un delicato e formale iter per il riconoscimento giuridico della proprietà. Il facoltoso detentore delle due preziose opere rubate a Vicenza pose in vendita presso una famosa Casa d'aste genovese quattro dipinti, risultati poi essere frammenti di tre opere rubate. I frammenti non furono venduti e tornarono quindi nella disponibilità del venditore. A quel punto gli inquirenti decisero pertanto di effettuare verifiche più approfondite e mirate presso l'abitazione dell'ignaro proprietario, giungendo così all'importante recupero delle tele di Maffei e Carpioni.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE