Bruxelles stoppa la fusione delle banche venete, torna l'incertezza anche per Carim

Cornelia Mascio
Mag 29, 2017

Per puntellare il capitale di Popolare di Vicenza e di Veneto Banca è necessario trovare qualche privato che investa un miliardo di euro. Gli ad dei due istituti, Fabrizio Viola per Bpvi e Cristiano Carrus per Veneto Banca, domani relazioneranno i due consigli di amministrazione assieme ai presidenti Gianni Mion e Massimo Lanza. Del resto già ieri una nota del Ministero dell'Economia, dopo l'incontro del ministro Padoan con i vertici di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, ribadiva la volontà di arrivare a un accordo che salvasse banca e risparmiatori: "Il dialogo con le autorità europee prosegue, con il comune obiettivo di concordare la soluzione che garantisca la stabilità delle due banche venete e salvaguardi integralmente i risparmiatori, nel pieno rispetto delle regole europee". "Noi siamo totalmente allineati con Padoan, siamo nelle sue mani". Sulla questione è intervenuto il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina: "Chi lo dice che ci vuole un miliardo?" La strada e' tuttavia stretta: o il fondo Atlante, azionista pressoche' totalitario degli istituti, troverà e inietterà altre risorse, oppure ci sara' una nuova moral suasion sulla parte piu' sana del sistema bancario italiano perche' i soldi arrivino attraverso il braccio volontario del Fondo interbancario o con un nuovo veicolo ad hoc. Le due banche, che lavorano alla fusione, nel complesso hanno 11.600 dipendenti e il piano attuale prevede che ne escano poco più del 20%. "Le Fondazioni associate in Acri non intendono mettere più un euro", ha detto all'ANSA il presidente di Cariplo e dell'Acri Giuseppe Guzzetti.

I rimborsi quindi dovranno essere riportati nella dichiarazione dei redditi del 2017 e l'azionista dovrà non solo pagarvi l'Irpef in base al suo livello di reddito, ma versarvi anche le addizionali regionali e comunali. Padoan si è limitato a escludere la possibilità di una risoluzione ("il bail in è un'ipotesi esclusa") e ha ribadito in un comunicato la garanzia sulla liquidità della banca. "Ma a questo punto la questione è in mano alla politica, alla quale ci rimettiamo".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE