Trump ha annunciato che rivedrà gli accordi con Cuba fatti da Obama

Aristofane Mori
Giugno 17, 2017

In volo sull'Airforce One verso Miami, Trump ha annunciato di volerla riscrivere a modo suo, accusando il suo predecessore di aver solo "arricchito il regime" e di non aver "aiutato i cubani", anche per i diritti umani. Per cui, "con effetto immediato, cancello l'ultimo accordo dell'amministrazione totalmente sproporzionato a favore di Cuba". Così il presidente americano Donald Trump ha cancellato con un colpo di penna una pagina di storia, scritta appena un anno fa dall'allora presidente Barack Obama. Donald Trump parla a Miami, in un teatro di Little Havana simbolo degli esiliati in fuga dai Castro. Per la Casa Bianca, la revisione mira sostanzialmente a fermare il flusso di denaro verso Cuba, per spingere l'Avana ad aprirsi alla democrazia.

Non ha invece intenzione di rimettere mano agli altri accordi commerciali e diplomatici, e vuole mantenere l'ambasciata statunitense all'Avana. Come resterà l'ambasciata ambasciata Usa a L'Avana, uno dei segni finora più tangibili del disgelo avviato da Obama e da Raul Castro.

Il presidente americano ha annunciato, inoltre, che le sanzioni su Cuba non saranno cancellate finché "non verranno liberati tutti i prigionieri politici, legalizzati tutti i partiti politici e non si terranno elezioni libere e sotto la supervisione internazionale".

NEL MIRINO DI TRUMP I MILITARI - Trump si è scagliato contro il principale gruppo corporativo cubano, Gaesa (Grupo de administracion Empresarial S.A), controllato dai militari e con ramificazioni e interessi in tutta l'economia dell'isola caraibica.

Trump, eletto anche con i voti della potente lobby degli esuli cubani, ha affermato oggi da Miami che "È difficile pensare a una politica meno sensata" di quella portata avanti da Obama, il quale ha sottoscritto un "accordo terribile e sbagliato" con il regime di Castro, cioè con "un governo che diffonde violenza e instabilità".

Donald Trump firma il decreto che sancisce le nuove politiche degli Stati Uniti nei confronti di Cuba.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

PIÙ POPOLARE GrafFiotech

Segui i nostri GIORNALE