Messaggio del sindaco Sbrocca agli studenti impegnati nell'esame di maturità

Remigio Civitarese
Giugno 22, 2017

Per quanto riguarda la gettonata analisi del testo, l'autore scelto è stato un outsiders: Giorgio Caproni, noto poeta (ma non ai più e soprattutto agli studenti) di metà novecento.

Al liceo classico Galvani e al Crescenzi-Pacinotti, che sforna geometri, molti ragazzi hanno scelto il saggio breve socio-economico.

La vita vi metterà spesso alla prova ma sono sicuro che ognuno di voi saprà affrontarla con i migliori strumenti che avete: i valori che vi hanno dato i vostri genitori e la serenità di aver vissuto in un contesto come quello della nostra bella Termoli.

L'argomento del tema storico era il "miracolo economico" italiano. Stamane infatti le quinte classi hanno sostenuto la prima prova scritta d'italiano, che tra l'altro ha suscitato diverse polemiche su Facebook.

'Disastri e ricostruzione' e' il tema scelto per il saggio storico politico, mentre per il saggio artistico letterario e' stato scelto il tema 'La natura tra minaccia e idillio nell'arte e nella letteratura'.

Come ogni anno il toto-tracce non si è fatto attendere tanto che il Miur, già il 4 aprile, aveva annunciato di aver scelto ed approvato delle tracce, scelte considerando il livello di preparazione degli studenti italiani.

"Le tracce proposte stamattina - commenta il ministro Fedeli - avevano come filo conduttore il rapporto fra persona e natura, l'equilibrio dinamico tra azioni umane e fenomeni naturali come chiave per affrontare il progresso, inteso come progresso scientifico e tecnologico, ma anche morale e civile".

AL CRESCENZI-PACINOTTI - Anche al Crescenzi-Pacinotti, l'istituto che forma i geometri di domani, la prima prova è andata. "Ho cercato di essere imparziale: non ho proteso né per chi sostiene che si perderanno tanti posti di lavoro, né per chi difende il progresso a spada tratta. Caproni? Mai sentito, ma in realtà era richiesto un commento sulla sua poesia che ho trovato semplice". "Certo, ci sarà una fase di assestamento e di formazioni, e alla fine nasceranno nuove occupazioni che ora neanche immaginiamo".

Reazione simile a Salerno: "Caproni non ce lo aspettavamo proprio. La natura esiste di per sè, noi invece ne siamo dipendenti per sopravvivere".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE