Ballottaggi, Salvini: Genova città libera. Bucci: Sarò sindaco di tutti

Aristofane Mori
Giugno 26, 2017

Bucci infatti, come fece il governatore Toti che alle ultime regionali concluse con un'inaspettata vittoria, ha saputo mettere insieme un'ampia coalizione composta da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Direzione Italia e Liguria Popolare, poi confluita nella lista civica "Vince Genova".

Cadono le roccaforti del Pd: Genova e Pistoia, dove il centrodestra non aveva mai vinto e cadono sei Comuni su sei - Piacenza inclusa - in Emilia-Romagna. Vittoria netta del centrodestra anche a Sesto San Giovanni. Stesso esito a Monza, Lodi, Asti e Verona.

A Lucca e Padova si affermano i candidati del centrosinistra, così come a Lecce e a Taranto. L'affluenza è stata molto più bassa rispetto al primo turno, pari al 46%.

Per il Pd, che governava 14 capoluoghi di provincia su 22 ai ballottaggi, si prospetta un flop.

"Ora vado fino in fondo, a governare. I prossimi sono Renzi, Gentiloni e Boschi", esulta Salvini.

Ai ballottaggi delle elezioni amministrative non sono andati a votare quasi la metà dei cittadini e viene da pensare che non abbiamo votato i Grillini e, tutto sommato, neanche i democratici. Non è però passata inosservata l'assenza del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, il cui partito al primo turno ha ottenuto appena l'8% dei voti. E sono fatti a favore del centrodestra.

Il candidato di centrodestraSergio Abramo, già sindaco dal 2012, ha vinto con il 64,39 per cento.

Il M5s, inoltre, si consola vincendo a Carrara (con Francesco De Pasquale) dopo 70 anni di governo "rosso" e avanzando nel Lazio, dove vince a Ardea e Guidonia. Antonio Vincenzo Ciconte, di centrosinistra, ma sostenuto anche dal movimento dell'ex sindaco di Verona Flavio Tosi, al 35,61 per cento. "Siamo felicissimi. In un contesto comunale la differenza la fanno le persone: a Parma si si sono coagulate attorno a questo progetto delle persone credibili che hanno scelto loro il progetto". Il Pd deve fare un esame serio sul futuro, perché se non è possibile lo sfondamento al centro allora deve interrogarsi sul perché un ceto sociale ed un elettorato di tradizionale riferimento forse si è rifugiato nell'astensione. Per la prima volta dal dopoguerra, il candidato del centrodestra unito Marco Bucci vince nella città della lanterna.

Giovanni Crivello (centrosinistra) si è fermato al 44,76%. Paolo Manfredini del centrosinistra al ballottaggio non supera il 40,02%. Al primo turno ha riscosso il 33,39% delle preferenze.

Il candidato di centrodestra Maurizio Rasero è stato il più votato con il 54,9 per cento. Maria Obinu, di centrosinistra, si è fermata al 34,83 per cento. Il candidato Sergio Giordani, in base ai dati definitivi del Viminale, è stato eletto sindaco con il 51,84%.

PARMA - A Parma Federico Pizzarotti fa il bis. Qui la sindaca Pd uscente, Monica Chittò (nell'immagine sopra), ha raccolto il 31% dei voti.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE