Foto vip "rubate", assolta Selvaggia Lucarelli

Brunilde Fioravanti
Luglio 17, 2017

La sentenza per Selvaggia Lucarelli, Guia Soncini e Gianluca Neri, dovrebbe giungere domani: sono accusati di concorso in intercettazione abusiva, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso "al fine di procurare a sè o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno", accesso abusivo a sistema informatico e violazione della privacy, la Procura ha chiesto un anno di carcere. Canalis, insieme all'altra showgirl Federica Fontana, era parte civile. Per questo reato ha dichiarato il proscioglimento per "non doversi procedere" per "mancanza di querela" (le presunte parti offese, Canalis e Fontana, non hanno querelato per questo reato) e ha assolto Lucarelli, anche noto volto tv, Neri, famoso blogger col nome di 'Macchianera' e la giornalista e blogger Guia Soncini. "Dopo 7 anni di processo e articoli infamanti (fino a ieri) - scrive Selvaggia Lucarelli sulla sua pagina Facebook - sono stata assolta perché il fatto non sussiste". Si tratta del reato di rivelazione di contenuto di corrispondenza, per il quale Federica Fontana ed Elisabetta Canalis, le presunte parti offese, avrebbero dovuto sporgere querela, cosa che non è avvenuta. I fatti risalgono al 2011 e i tre avevano respinto ogni accusa. Il cuore dell'inchiesta riguardava 191 fotografie scattate nel settembre 2010 durante il party per il 32esimo compleanno di Elisabetta Canalis nella villa di George Clooney, sul lago di Como. I tre blogger erano accusati di avere carpito fotografie di personaggi del jet set introducendosi abusivamente nelle loro caselle email. Per le altre due imputazioni contestate a vario titolo ai tre imputati, invece, tra cui una presunta tentata vendita degli scatti di Canalis e un trattamento illecito di dati personali, sono arrivate assoluzioni con formula piena. Oggi dico solo questo (oggi).

Secondo l'accusa, dopo la sottrazione fraudolenta, si sarebbe tentato di rivendere le immagini al settimanale di gossip della Mondadori Chi, diretto da Alfonso Signorini. Perché, continua, la Lucarelli "alle porte di Chi ha bussato in passato per ottenere quattrini, ricevendone un secco rifiuto". E all'avvocato Caterina Malavenda.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE