Ragazza stuprata in stazione a Cattolica: arrestato 29enne

Remigio Civitarese
Agosto 12, 2017

Jeffrey Oni Oboh è stato riconosciuto dalla vittima, una straniera ospite di una comunità per emigranti rifugiati, dopo che la Polizia l'aveva rintracciato tra alcuni connazionali.

(.) In merito all'episodio di denuncia di violenza subita da una donna alla Stazione di Cattolica questa O.S. intende puntare il dito sull'ennesimo frutto della politica del Ministero che rinunciando agli aggregati estivi come rinforzo al personale della Sezione Polizia Ferroviaria di Rimini mette in risalto la mancanza numerica di operatori necessari per controllare gli scali ferroviari da Cesenatico a Cattolica e Savignano sul Rubicone per una linea ferroviaria estesa per 60 km. La ragazza, residente a Pesaro, era andata la sera del 4 agosto 2017, al pronto soccorso dell'ospedale di Pesaro in preda a forti dolori addominali. L'uomo con una scusa l'ha attirata all'interno della stazione centrale di Cattolica ed una volta lì dentro l'ha trascinata nel bagno e costretta ad un rapporto sessuale completo. Dopo la violenza, il giovane africano si è allontanato facendo perdere le proprie tracce mentre, la ragazza, è ritornata nella struttura di accoglienza.

Un nigeriano di 29 anni, con permesso di soggiorno, è stato arrestato venerdì con l'accusa di aver stuprato dieci giorni fa una ragazza appena 18enne nei bagni della stazione di Cattolica.

Secondo quanto riporta il sito online RiminiToday, la ragazza ha incontrato il giovane di ritorno alla struttura d'accoglienza, dopo aver lavorato come stagista tutta la giornata in un negozio. Dall'ospedale è partita la segnalazione alla forze dell'ordine e, in Procura, è stato aperto un fascicolo per violenza sessuale.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE