Piazza Affari avvia la seduta in ribasso con l'Europa

Cornelia Mascio
Agosto 13, 2017

Senza una precisa motivazione, se non la tensione nella remotissima Corea, oggi Piazza Affari ha concluso le contrattazioni in rosso, sulla scia delle altre grandi Borse europee. Il titolo guadagna il 2,5% dopo aver riportato nel secondo trimestre del 2017 un utile netto ricorrente che è balzato del 59% a 27 milioni di euro. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 48,34 dollari per barile. Scambi in ribasso per la Borsa di Milano, che accusa una flessione dell'1,30% sul FTSE MIB. A Parigi il Cac40 cede l'1,23%, a Londra il Ftse100 l'1% e a Madrid l'Ibex35 l'1,77%.

In questa pessima giornata per la Borsa di Milano, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Vendite a piene mani su Ferrari, che soffre un decremento del 3,37%.

Sessione nera per Exor, che lascia sul tappeto una perdita del 2,91%.

Tra i singoli titoli di Piazza Affari, deboli i bancari con Unicredit, Banca Generali e FinecoBank che scivolano sul fondo del paniere principale con ribassi intorno allo 0,80%.

Resiste alle forti venditi Moncler che registra un piccolo ribasso dello 0,13%.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE