Pontida: parcheggi rosa solo per donne etero e italiane

Remigio Civitarese
Settembre 13, 2017

Lo dice il regolamento comunale che istituisce a partire dal mese di ottobre i parcheggi riservati alle donne in gravidanza o che hanno partorito da poco, quelli più vicini a uffici e negozi. "Quindi, se sei una donna omosessuale e sei rimasta incinta attraverso la scienza devi parcheggiare l'auto nei posteggi comuni". Lo ha deciso l'amministrazione di Pontida, storica roccaforte della Lega Nord, guidata, appunto, da un sindaco della formazione di Matteo Salvini: Luigi Carozzi. Come spiegano i media locali, l'articolo 4 del nuovo regolamento comunale per la gestione dei parcheggi approvato durante la seduta del 2 settembre scorso (8 i voti favorevoli e 2 contrari) prevede che "possono richiedere il rilascio gratuito di idoneo permesso risultante da tessera esclusivamente le donne appartenenti ad un nucleo familiare naturale e cittadine italiane o di un paese membro dell'Unione europea".

Gionata Ghilardi, capogruppo di Viviamo Pontida, è infuriata: "Si tratta di una scelta inconcepibile". Non riesco quasi a trovare le parole per esprimere il mio dissenso.

Indignato anche Jacopo Scandella, consigliere regionale del Pd: "Un parcheggio riservato ad alcune mamme e vietato ad altre?" Una mamma è una mamma che sia svizzera, cinese o africana. Con queste persone e queste idee, quale sarà il prossimo passo? Le scuole separate per gli stranieri? Un'innovazione diffusa in molte e città e valutata da tutti come molto positiva se non fosse che nel testo che li regolamenta il Comune di Pontida ha introdotto dei paletti molto stringenti che escludono alcune donne dalla possibilità di utilizzarli. L'obiettivo non è facilitare le donne incinte, ma "promuovere il sostegno alle famiglie naturali, formate dall'unione di un uomo ed una donna a fini procreativi, nucleo fondante della società civile, favorendo la sosta della donna pontidese in fase di gestazione o di puerperio in apposite aree loro riservate, riconoscendo l'essenziale funzione familiare della donna nella maternità".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE