Serie A, Bologna 1-1 Inter: Un super Verdi annichilisce i nerazzurri

Paola Ditto
Сентября 21, 2017

Domani sera, a Bologna, sarà già in campo per l'anticipo del turno infrasettimanale.

Luciano Spalletti, allenatore dell'Inter, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di Premium Sport al termine di Bologna-Inter.

In conferenza stampa, il tecnico Bruno Tedino ha parlato della delicata sfida tra le due squadre favorite per la promozione in Serie A. Abbiamo provato e la squadra una reazione l'ha avuta, però non è bastato e dobbiamo fare di più.

Poi, al 32', è stato assegnato un rigore ai nerazzurri, non del tutto certo, ma che a seguito delle verifiche del Var è sembrato almeno probabile. "Loro però sono stati bravi a non lasciarci sbocchi, noi non siamo stati bravi e se la palla la facciamo girare così lentamente diventa difficile". Bisogna lavorarci per trovare il massimo del produttivo. "Dentro l'area Mauro è un giocatore impossibile, serpentesco, ma se viene a palleggiare qualche volta in più con i centrocampisti può migliorare".

Classifica. "Non so, non mi interessa molto". Ma la sorte è dalla parte di Spalletti. "La squadra deve ancora tracciare il suo percorso curva dopo curva, come domenica scorsa e ne troveremo ancora altre da sterzare". Dopo quattro vittorie consecutive, la banda Spalletti conferma i limiti emersi sabato col Crotone ma si salva per ché riesce ad andare all'intervallo sotto solo di un gol (prodezza di Verdi) e nel finale sfrutta un'ingenuità di Mbaye su Eder che porta al rigore dell'1-1 di un Icardi rasato a zero e fin lì a zero anche come conclusioni. Il Bologna chiude meritatamente in vantaggio la prima frazione di gioco, recriminando anche per alcune occasioni propizie fallite dallo stesso Verdi, prima della rete del vantaggio. E ha anche una difesa ermetica, la migliore del campionato, con una sola rete incassata. Nel pareggio dell'Inter a Bologna Joao Mario è risultato apatico e per certi versi irritante. "Possono giocare accanto a Borja Valero?".

"Il Bologna schierava al centro dell'attacco Petkovic, ai fianchi il figlio d'arte Di Francesco e Verdi: Destro ancora non al meglio, Palacio è ancora" stanco" (per sua stessa ammissione) dopo il match di sabato.

Altre relazioni

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE

ULTIME NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE