Violenza su donne, Raggi: settembre nero, ora leggi speciali

Remigio Civitarese
Settembre 21, 2017

Vi sono scuole in tutta Roma - continua la nota di Ciurleo - ai limiti dell'agibilità come ad esempio il plesso del Buon Pastore situato in Via Bravetta, dichiarato inagibile da ben 5 anni a causa della scala antincendio, dove le classi sono costrette a fare a rotazione per il piano terra o come al Liceo Avogadro dove dopo un anno la palestra non è ancora attiva, ma problemi vi sono anche in scuole più centrali come l'Albertelli che ha chiuso una delle scale interne. La prima cittadina ha chiesto al governo di "intervenire subito anche con leggi speciali" sulla violenza contro le donne, e ha puntato sull'aumento della videosorveglianza per prevenire e reprimere fatti simili. Servono più forze dell'ordine per presidiare capillarmente il territorio e in particolare le periferie. "Sull'argomento presenteremo nelle prossime ore una interrogazione urgente" tuona la capogruppo del Pd capitolino Michela Di Biase. A differenza di Roma hanno invece partecipato 254 comuni del Lazio e 12 municipi della Capitale.

A stretto giro arriva la replica da palazzo Senatorio con una nota stampa dell'assessore ai Lavori Pubblici, Margherita Gatta.

Durante una conferenza stampa in programma nel pomeriggio per illustrare le azioni messe in campo dalla Pisana per contrastare la violenza sulle donne, Zingaretti ricorda il bando da 1,9 milioni di euro per l'acquisto di telecamere che garantiscono il controllo degli spazi pubblici.

"L'unica nota ufficiale giunta a questa amministrazione è una lettera della Sindaca di Roma Virginia Raggi del 13 settembre che delega il Dipartimento Simu (Sviluppo, Infrastrutture e Manutenzione Urbana) del Campidoglio a presentare progetti nel bando". Tali progetti non sono mai stati presentati. "Nessun progetto è stato mai stato presentato - la controreplica della Regione -". A meno che il Comune di Roma non voglia considerare la Pec con un progetto inviato oggi (ieri, ndr). "Vogliamo essere tra chi non si gira dall'altra parte - ha detto il governatore - Ogni giorno in Italia avvengono 11 stupri, secondo i dati del Viminale".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE