Bersani: "Che delusione Gentiloni, ha perso ogni credibilità"

Remigio Civitarese
Октября 14, 2017

È deluso Pierluigi Bersani, leader di Mdp, nel colloquio con La Stampa, avvenuto subito dopo le dichiarazioni di voto sulla legge elettorale. Stavolta, invece, il premier Paolo Gentiloni aveva promesso di limitarsi ad "accompagnare" il percorso.

A Montecitorio Bersani si era espresso duramente sulla legge. "Se ci fermiamo non si va nel caos, ci sono soluzioni abbordabili e rispettose della Costituzione anche negli ultimi mesi".

Per Bersani, quindi, il vecchio Mattarellum, con il 75% di seggi eletti nei collegi, che costringeva i candidati ad andare a parlare con gli elettori nei territori, sarebbe stato auspicabile, e spera che ci sia ancora il tempo: se saltasse tutto, secondo lui, in due settimane sarebbe possibile approvare una riforma elettorale proporzionale similare. È una parola grossa definire questa una legge elettorale, è un marchingegno che non funziona. In Aula Bersani ha sintetizzato anche i difetti della legge. Infine il monito:"Non sta perdendo credibilità solo Gentiloni: qui stiamo facendo un Parlamento di nominati, e questo non sarà accettato". E tante sono anche le #manifestazioni che si stanno susseguendo nelle varie città d'Italia tra cui Roma, Reggio Emilia, Firenze e Bologna per dove la gente chiede che venga concessa la cittadinanza a chi è nato o cresciuto in Italia.

Altre relazioni

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE

ULTIME NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE