Katainen bacchetta l'Italia: "I conti non migliorano"

Cornelia Mascio
Novembre 14, 2017

(Teleborsa) - Legge di Stabilità sotto la lente dell'UE.

Sarebbe un grosso problema per la campagna elettorale in vista, in particolare per il Pd che si trova alla guida dell'esecutivo, senonché la Commissione Ue ha fatto sapere che l'inevitabile manovra correttiva sulla Legge di bilancio sarà inviata soltanto dopo le elezioni, a maggio. E' quanto apprende l'ANSA al termine della riunione del collegio dei commissari, che ha discusso anche dell'opinione sulla legge di stabilità italiana attesa per il 22 novembre.

In ogni caso, la prossima settimana arriverà un verdetto solo 'parziale': sarà quindi un via libera da verificare di nuovo a maggio 2018, cioè una volta che saranno consolidati i dati 2017 e sarà possibile capire la vera entità dello scostamento dagli obiettivi di riduzione del deficit strutturale per quest'anno.

A dispetto del Pil che (dato di oggi) cresce al passo consolidato di 1,8% l'anno, i conti pubblici dell'Italia non stanno migliorando.

Più perentorie e assai meno sfumate invece la parole pronunciate quasi in contemporanea con questo annuncio dal numero due della Commissione, il finlandese Jyrki Katainen, considerato un "falco" del rigore finanziario europeo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE