Popolare di Vicenza, la lista dei 100 grandi debitori

Cornelia Mascio
Novembre 15, 2017

E Banca nuova è del gruppo Popolare di Vicenza, una delle due banche venete finite sull'orlo del crac con un buco da oltre 6 miliardi di euro e i risparmi azzerati di 120.000 soci, per la passata mala gestio riconducibile ad un solo uomo, imprenditore viticolo Gianni Zonin. Questa gestione spiegherebbe gli oltre 5 miliardi e mezzo di euro "sofferenze" e più di 4 miliardi di euro di "inadempienze". Da un lato la Monte Grado Mare srl, del patron del Palermo calcio Maurizio Zamparini, insolvente per 59,3 milioni di euro. Apre la lista una società romana che avrebbe incamerato sofferenze da 62 milioni e 500mila euro, soldi avuti e mai restituiti. Nella lista c'era proprio la Nsfi, ex Lujan di Marchini.

Ci sono gli imprenditori della moda e quelli delle costruzioni, la società di ex calciatori e quella dell'ultimo presidente di Banca Etruria. Infine, in riferimento al procedimento per "false comunicazioni sociali" i legali di Marchini precisano: "tale ipotesi è relativa ad un procedimento avviato per una querela su tutt'altra vicenda e che per di più è stata successivamente ritirata".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE