La musica piange Johnny Hallyday

Cornelia Mascio
Dicembre 7, 2017

Johnny Hallyday, icona pop francese, è morto la scorsa notte all'età di 74 anni. Da un anno circa gli era stato diagnosticato un tumore ai polmoni. A dare la triste notizia è stata la moglie Laeticia.

"Johnny Hallyday è andato via. Scrivo queste parola senza poterci credere", si legge nel comunicato diffuso dalla donna. E tuttavia e' proprio cosi'.

PARIGI "Come tutta la Francia, ho il cuore a pezzi", scrive in un breve comunicato Sylvie Vartan, che sposò Johnny Hallyday il 12 aprile 1965. Da mesi era sottoposto ad un trattamento terapico per il cancro a Parigi.

Nonostante la malattia, Hallyday aveva annunciato la preparazione di un album in studio e una tournée estiva nel 2018. Insieme avevano avuto un figlio, David, nato nel 1966 e anche lui cantante. "Di Johnny Hallyday - continua - non dimenticheremo né il nome, né la faccia, né la voce, né soprattutto le interpretazioni, che, con quel lirismo secco e sensibile, appartengono oggi in pieno alla storia della canzone francese". È del 1960 il suo primo 45 giri, "Laisse les filles" e "T'aimer follement".

In oltre 50 anni di carriera, Hallyday ha venduto oltre 100 milioni di dischi, sfornando successi come Ma guele, Oh, ma jolie Sarah e Que je t'aime.

Del resto molti suoi concerti sono veramente indimenticabili, come quello ai piedi della Torre Eiffel o quello assieme ai Rolling Stones.

Le collaborazioni con Zucchero e Pausini.

. L'ultimo disco ufficiale risale al 2011, Jamais Seul. Ha cantato in francese anche alcuni brani di Adriano Celentano fra cui 24 000 baci. Già nel 1955 appare ne I diabolici di Henry George Clouzot pur non essendo accreditato. Alla fine degli anni Novanta recita con successo in Pourquoi pas moi?, Love me e infine L'uomo del treno di Patrice Leconte accanto a Jean Rochefort. L'Eliseo pensa ad un "omaggio nazionale" per l'addio a Johnny, c'è chi rievoca "i funerali di Victor Hugo" per immaginare l'evento più popolare di sempre.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE