Le previsioni degli esperti. Capodanno 2018 a letto con l'influenza

Modesto Morganelli
Dicembre 7, 2017

Il primo caso grave riguarda un anziano non vaccinato, ricoverato in Rianimazione per insufficienza respiratoria. "Aveva una bronchiolite" conferma Fausto Baldanti, il responsabile della virologia molecolare del San Matteo e docente dell'Università di Pavia, che puntualizza come l'origine egiziana del bambino non sia un'informazione rilevante per la diffusione del virus. Ma, con il freddo, potrebbe venire anticipato a dopo Natale.

Tra i virus, sono presenti più o meno allo stesso livello entrambi i tipi, A e B. All'interno dell'Unione europa finora 7 Paesi hanno segnalato casi di influenza confermati in laboratorio su pazienti ricoverati in ospedale: Gran Bretagna, Francia, Spagna, Svezia, Irlanda, Repubblica Ceca e Danimarca. I ceppi isolati sono di tipo B e A/H3N2. I soggetti maggiornemte esposti a rischio sono i malati cronici, gli over 65 e le donne in gravidanza.

'Intercettati' i primi virus dell'influenza in Puglia: l'isolamento è avvenuto ad opera dei ricercatori del Lavoratorio di Epidemiologia molecolare dell'Uoc Igiene del Policlinico di Bari, il laboratorio di riferimento regionale per la sorveglianza virologica dell'influenza. Infine, ricorda il virologo, a doversi vaccinare sono anche tutti coloro che si prendono cura o lavorano a contatto con le persone fragili, incluso il personale medico sanitario. "Per i primi si tratta di un dovere nei confronti dei pazienti a cui possono trasmettere l'infezione, per le donne un modo non solo per proteggere se stesse dal rischio di complicanze, ma anche di proteggere il nascituro durante i primissimi mesi di vita grazie al passaggio degli anticorpi materni".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE