Infiltrazioni mafiose al mercato di Vittoria: 8 arresti

Remigio Civitarese
Декабря 13, 2017

Oltre alle misure cautelari è scattato il sequestro di sei aziende intestate a soggetti prestanome al fine di evitare l'applicazione di misure di prevenzione patrimoniali. Il valore delle ditte ammonta a 15 milioni di euro.

Le indagini, svolte dal Gico del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Catania, hanno preso spunto da una segnalazione proveniente dalla Direzione nazionale antimafia, dopo un esposto presentato dal direttore del Consorzio nazionale per il riciclaggio dei rifiuti e dei beni a base di polietilene, nel quale veniva denunciata un'illegale raccolta e lavorazione di rifiuti plastici.

- Giombastista Puccio 57 anni, detto "Titta 'u Ballerinu", per via dell'accertata appartenenza sia alla "Stidda", sia al clan di Cosa Nostra. In pratica, erano loro i padroni degli imballaggi del settore ortofrutticolo. Puccio è responsabile di aver creato con Emanuele Greco un vero e proprio "cartello mafioso di imprese" che ha assunto il dominio del settore degli imballaggi nel territorio di Vittoria. I quattro sono stati arrestati e portati in carcere. Imballaggi destinati alle produzioni ortofrutticole 8 arresti Vittoria.

Il monopolio nel settore degli imballaggi e la gestione di imprese impegnate nel traffico illecito di rifiuti.

- M.P. TRADE S.R.L. di Luigi Puccio, INTERNATIONAL PACKING S.R.L. di Luigi Puccio, G.Z.G.

Altre relazioni

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE

ULTIME NOTIZIE

ALTRE NOTIZIE