Nuovo farmaco funziona contro la leucemia ma costa troppo: 400mila euro

Modesto Morganelli
Dicembre 14, 2017

Il Kymriah, il super farmaco solo per ricchi, costa mezzo milione di dollari. "Il Kymriah- ha aggiunto il numero uno di Novartis -non è semplicemente una pastiglia, ma un processo altamente complesso". "Ai pazienti vengono prelevate cellule, che vengono geneticamente modificate, a livello terapeutico, quindi di nuovo introdotte". Il farmaco viene utilizzato per pazienti che non rispondono positivamente alle cure standard. Ovviamente si tratta di un procedimento caro ed impegnativo è questo quanto ricordato dal manager, il quale ha sottolineato che l'importo è calcolato soltanto quando la terapia ha effetto. Esiste una malattia, la leucemia linfoblastica acuta, diffusa soprattutto tra i bambini. Il presidente del cda della multinazionale, Jörg Reinhardt, proprio riguardo alle critiche sul prezzo del farmaco, in una intervista rilasciata al quotidiano Blick di Zurigo ha dichiarato: "Innanzitutto parliamo di un trattamento di una sola volta, mentre le terapie standard, arrivando a costare 100 mila franchi all'anno, possono diventare molto più care". Ed ancora: "In realtà siamo di fronte all'ennesimo esempio di farmaci che diventano impagabili". Questa nuova procedura è stata sperimentata su una bambina che stava per morire e che ora è senza tumore da cinque anni. Il Kymriah in pratica modifica un gene dei pazienti che permette ai linfociti T di identificare e uccidere le cellule responsabili della leucemia. Che nessun sistema sanitario nazionale può permettersi di finanziare. In Europa invece il farmaco ha raggiunto la fase sperimentale 2 (si sta conducendo una verifica preliminare dell'efficacia terapeutica) per la leucemia linfoblastica acuta nel bambino.

La terapia prevede di prelevare i linfociti T dal sangue periferico del paziente, che vengono isolati e coltivati in laboratorio per 7-10 giorni. Le cellule dei pazienti vengono rimosse, modificate per la terapia genica e reinserite nuovamente.

Accetta la privacy policy e la cookie policy per visualizzare il contenuto.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE