Sibilia: "Sono senza parole, pensavo che in FIGC esprimessero una candidatura"

Paola Ditto
Gennaio 14, 2018

Lo ha dichiarato il presidente della Lega nazionale dilettanti Cosimo Sibilia nel suo intervento all'assemblea in corso all'Holiday Inn Rome Parco dei Medici. La decisione unanime è stata presa dai delegati della Lega Nazionale Dilettanti. Ho iniziato dal basso, concorro per per prendere i voti di tutte le componenti. Altrimenti che facciamo? Apriamo le porte a chi chiede una gestione straordinaria? Io ho un rapporto di amicizia col presidente del Coni Malagò, ma mi sono sempre schierato contro il commissariamento. "Se qualcuno pensava che io stessi lavorando per qualcos'altro si sbagliava". Al termine dell'assemblea tenutasi a Firenze, il diretto interessato ha affidato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di TMW Radio: "L'assemblea all'unanimità ha approvato la mia piattaforma programmatica dando parere favorevole alla mia candidatura a presidente federale. Speriamo possano emergere prima di andare alle elezioni".

"Ieri sono andato alla Lega di A per essere audito". Pensavo che nel pomeriggio esprimessero una candidatura o una condivisione su un'altra componente. Il prossimo candidato alla presidenza della federazione è rimasto perplesso riguardo alla riunione di ieri, che non ha prodotto un'indicazione univoca sulle candidature per le elezioni del prossimo 29 gennaio. Così il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina, ex presidente del Castel di Sangro che aggiunge: "L'unanimità è un motivo d'orgoglio per me, lo è per la Lega a dimostrazione che il lavoro di questi due anni è stato un lavoro di squadra da cui emerge un messaggio fondamentale: quando fai squadra puoi vincere assieme e si vince bene. Ma serve affidabilità da parte di tutti". Il presidente dei dilettanti, che ricordiamo avere il voto più pesante ai fini del conteggio finale, vuole però aspettare l'appoggio della lega di Serie A, attualmente spaccata tra chi sostiene Tommasi e chi vuole cercare un via diversa.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE