Verdi-Napoli anche per blindare Sarri

Paola Ditto
Gennaio 14, 2018

Verdi o Deulofeu: è questo il tormentone degli ultimi giorni all'ombra del Vesuvio. In uscita c'è invece Emanuele Giaccherini, il suo procuratore ha detto che il centrocampista saluterà Napoli molto presto.

"Verdi o Deulofeu? Come forza e livello, Deulofeu è superiore a Verdi che però ha il vantaggio di essere stato già allenato da Sarri ed è italiano".

Un lungo faccia a faccia tra De Laurentiis e Sarri proprio nel giorno del 59esimo compleanno del tecnico dei partenopei. Siamo stati bene al Napoli ma c'è stato un equivoco sul ruolo e non ha più giocato dopo gli Europei del 2016. Perché Verdi sembra orientato verso il sì, e perché "c'è il rischio di vederlo relegato in panchina per quattro mesi, visti i precedenti di Sarri". Il presidente De Laurentiis ha saputo accettare il rischio di puntare su un allenatore che ancora non aveva alle spalle grandi esperienze in Serie A, ma i fatti lo hanno ripagato.

Sono ore molto calde in casa Napoli: non solo per i potenziali arrivi sul mercato, arrivi che dovrebbero puntellare la rosa azzurra e renderla adatta a sostenere fino al termine del campionato la lotta a due con la Juventus per lo Scudetto. Sono arrivate richieste da almeno altre 2 squadre di A, di buona classifica, ma il ragazzo resterà a Napoli almeno fino a giugno e poi vedremo - spiega ai microfoni di Radio Crc, Mario Giuffredi, procuratore anche di Hysaj - Quanto vale Hysaj? E così De Laurentiis deve aver pensato che era il caso di muoversi in prima persona per convincere Sarri a parlare del futuro e a srbogliare il prima possibile una matassa potenzialmente pericolosa.

Mercato in uscita? "Il futuro di Tonelli è legato a quello di Maksimovic: se il serbo continua a spingere per una cessione per ritagliarsi uno spazio maggiore, il calciatore potrebbe restare".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE