Viva grazie al cellulare: poliziotta salva da una coltellata

Brunilde Fioravanti
Febbraio 22, 2018

Lo smartphone che l'agente teneva in una tasca della divisa, infatti, ha fatto da scudo tra la lama del coltello e il corpo della donna. L'uomo ha colpito a morte la poliziotta salvatasi solo ad un fortuito caso: quello di aver riposto il cellulare nel taschino della giubba d'ordinanza.

Mentre gli agenti cercavano di immobilizzarlo l'uomo avrebbe estratto un coltello a serramanico che avrebbe impugnato nel tentativo di colpire gli operatori. La poliziotta era lì, insieme con un collega, ed è intervenuta in una lite nei pressi della fermata dei bus.

Un uomo nel piazzale antistante lo scalo ferroviario ha aggredendo fisicamente alcuni passanti. La donna è stata raggiunta da alcune coltellate al torace inferte da un cittadino bulgaro, poi arrestato per tentato omicidio. Ne è nata una colluttazione, durante la quale l'uomo ha cominciato ad agitare il coltello, fino a quando ha sferrato una coltellata dalla poliziotta al torace, proprio all'altezza del cuore.

Tragedia evitata per un soffio nelle scorse ore a Taranto. Le coltellate non sono andate per fortuna a segno.

Il sindaco Rinaldo Melucci: la città è orgogliosa di questa agente. "All'agente, alla sua famiglia, al Questore e a tutto il personale impegnato sul campo va l'abbraccio dell'intera cittadinanza tarantina".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE