Albano, 57enne aggredisce poliziotti con arco e frecce

Brunilde Fioravanti
Febbraio 24, 2018

Con l'ausilio dei colleghi della volante del locale commissariato, richiesti in soccorso dagli stessi, sono riusciti a bloccare l'aggressore accompagnandolo negli uffici di polizia dove il S.A. ha continuato a minacciare di morte la coppia di agenti accusandoli di avergli fatto sequestrare un'autovettura. L'uomo ha vari precedenti di polizia.

Poi, dopo la denuncia, lo hanno rilasciato. Non contento, il 57enne ha però teso un nuovo agguato alla coppia, appostandosi una seconda nei pressi dell'abitazione.

Ma l'uomo non si è arreso e, tornato alla carica, si è fatto trovare nuovamente sotto casa dei poliziotti, questa volta imbracciando arco e frecce. La donna era già rientrata nell'appartamento, mentre il compagno stava rincasando in compagnia di un collega: parcheggiata l'auto, i due hanno subito notato l'uomo nascosto dietro a un palazzo osservare furtivamente l'abitazione. Parcheggiata l'auto, hanno subito notato l'aggressore, che, avvistato il pericolo, gli ha puntato l'arco con una freccia già armata nel tentativo di colpirli. Grazie all'ausilio di una pattuglia del commissariato di Albano, arrivata poco dopo, gli agenti sono riusciti infine a bloccarlo e ad arrestarlo. Al termine della attività, e' stato tradotto presso il carcere di Velletri. Condotto in commissariato per gli accertamenti di rito, l'uomo ha continuato ad aggredirli e insultarli.

Perquisita l'abitazione infatti, gli agenti hanno trovato pistole, revolver, pugnali, coltelli, spade, manganelli telescopici, oltre a numeroso munizionamento.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE