Siria, il Consiglio di Sicurezza dell'Onu: "Tregua umanitaria di almeno 30 giorni"

Remigio Civitarese
Febbraio 25, 2018

"Tutto questo è disumano - ha scandito il Papa - Non si può combattere il male con altro male". La cancelliera e Macron hanno "fatto appello alla Russia in questo contesto per esercitare la massima pressione sul regime siriano per ottenere un'immediata sospensione dei raid aerei e dei combattimenti". "Le violenze devono immediatamente cessare - ha concluso - e tutti quelli che necessitano di assistenza medica devono essere evacuati immediatamente". Solo tra ieri e domenica, secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, nella Ghouta orientale - da oltre quatto anni sotto assedio - si contano più di 400 civili uccisi, compresi 95 bambini.

E sale la tensione nell'enclave curda di Afrin, nel nord della Siria, vicino al confine con la Turchia. I turchi sostengono d'aver prontamente sparato con la loro artiglieria, costringendo i siriani a ritirarsi di una decina di chilometri. "Siamo profondamente preoccupati per gli attacchi arrivati da esponenti dell'amministrazione di Washington alla Repubblica Siriana". Lo ha dichiarato oggi il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. Nel frattempo, il Comitato internazionale della Croce rossa (Cicr) chiede l'accesso alla Ghouta orientale.

Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu cerca disperatamente di fermare la battaglia nel sobborgo orientale di Damasco, nella Ghouta orientale, approvando all'unanimità una richiesta per una tregua di 30 giorni.

Siria raid del regime nel Ghouta
Autore AFP LaPresse AFPN

Le reazioni. Macron: "indispensabile una tregua". "Quante persone dovranno morire prima che il Consiglio di Sicurezza trovi un accordo su questo voto?". Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"La più grande speranza", secondo la pubblicazione, è proprio la Russia che "nel conflitto siriano hanno agito con cautela ". Il bilancio è di almeno 7 morti e circa 30 feriti, riferisce l'Osservatorio per i diritti umani. Vi sono notizie di scontri armati, mentre un comandante ribelle ha riferito all'agenzia stampa Dpa che è stato respinto un tentativo dell'esercito siriano di penetrare nella regione.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE