Vivendi esce da Ubisoft e incassa 2 miliardi di euro

Rodiano Bonacci
Marzo 21, 2018

In sostanza, Vivendi non è più azionista di Ubisoft, la società francese resterà indipendente e ora ha un aiuto in più per affermarsi nel mercato cinese. La notizia arriva con un comunicato stampa diramato da Ubisoft, con cui si annuncia la cessione da parte di Vivendi delle oltre 30 milioni di azioni Ubisoft in suo possesso.

Se avete seguito Ubisoft negli ultimi anni, saprete che il publisher francese era costantemente sotto attacco finanziario da parte di Vivendi, colosso multimediale interessato ad acquisire la compagnia ed espandere il suo controllo anche nel settore dei videogiochi. Di questa partecipazione l'8,1% tornerà nelle mani di Ubisoft, che acquisterà progressivamente le quote nel periodo dal 2019 al 2021. Nel corso degli ultimi anni, Vivendi ha acquistato e incrementato la quantità di azioni di Ubisoft per prepararsi a un'acquisizione totale e ostile, mentre il consiglio di amministrazione e la famiglia Guillemot di Ubisoft hanno cercato di evitarlo disperatamente, emettendo riacquisti.

Infine, la cinese Tencent ha acquisito il 5% delle azioni di Ubisoft e questo porterà a una "partnership strategica che accelererà significativamente la portata del franchise Ubisoft in Cina".

Tra le varie compagnie che entrano al posto di Vivendi devo segnalare l'arrivo di Tencent, proprietaria di Riot Games di League of Legends, di Miniclip, di Supercell di Clash of Clans (ne possiede l'84%), parzialmente proprietaria di Epic Games di Fortnite (al 48%) e persino di Activision Blizzard (al 10%).

Il restante 8% delle azioni di Vivendi sarà venduto a investitori qualificati attraverso un bookbuild accelerato. Quindi la plusvalenza è superiore ai 1,2 miliardi.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE