Cinque per mille 2016. Pubblicati gli elenchi degli ammessi

Remigio Civitarese
Aprile 17, 2018

Potendo scegliere i beneficiari di una quota dell'imposta sul reddito, il contribuente esercita una sovranità inusuale, dal momento che di solito spetta al Parlamento stabilire l'impiego del gettito fiscale.Gli elenchi dei soggetti beneficiari del 5×1000 sono pubblicati sul portale dell'Agenzia delle Entrate, dove è presente anche un motore di ricerca che permette di individuare tutti gli enti iscritti.Il 5 per mille è una forma di sussidiarietà orizzontale, un principio che implica la collaborazione del cittadino con le istituzioni per l'attuazione di interventi socialmente rilevanti. Sulla base delle scelte operate dai contribuenti sono poi effettuati gli opportuni calcoli per attribuire a ciascun soggetto la relativa quota di gettito sulla base delle percentuali ottenute.È molto importante non confondere il 5×1000 con l'8×1000: si tratta di due misure diverse e non alternative l'una all'altra.

L'Associazione italiana per la ricerca sul cancro occupa la prima posizione sia tra gli enti impegnati nella ricerca sanitaria sia tra quelli che operano nel settore della ricerca scientifica.

Cifre e numero di scelte di devoluzione da parte dei cittadini confermano, e questo sembra essere il valore "sociale" dell'elenco pubblicato dall'Agenzia delle Entrate, che anche in un periodo di forte attacco culturale ai temi della ricerca scientifica ufficiale e di diffusione di informazioni anti-scientifiche, gli italiani continuano a credere fortemente nel valore e nell'utilità della ricerca condotta dai centri più accreditati. Le liste degli ammessi e degli esclusi, insieme agli importi attribuiti agli enti che hanno chiesto di accedere al beneficio, sono consultabili sul sito dell'Agenzia delle Entrate, nella sezione "5 per mille". Il totale, come detto, sfiora le 49mila realtà. La scelta dell'Aric è stata espressa da tantissime persone: in ambito sanitario è stata scelta da oltre 374mila contribuenti, in ambito scientifico da oltre un milione. "Presenti anche i Comuni (in tutto 8.096) ai quali, per il 2016, sono destinati 15,2 milioni di euro". Per quanto riguarda, invece, la ricerca scientifica superano il milione i contribuenti che hanno optato per l'Airc, cui vanno oltre 39,5 milioni di euro.

Nel settore del volontariato, troviamo al primo posto Emergency, con 13,5 milioni di euro assegnati, e, a seguire, Medici senza Frontiere, con oltre 11,4 milioni di euro.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE