"Lascia quello smartphone". La figlia 12enne si taglia polso, papà indagato

Remigio Civitarese
Aprile 17, 2018

Stando a quanto si apprende, una ragazzina di 12 anni si è tagliata superficialmente il polso dopo essere stata costretta dal padre a staccarsi dallo smartphone, e di conseguenza dal suo mondo virtuale. È successo nel Salento, la notizia è riportata sul Nuovo Quotidiano di Puglia. Gestisce un negozio di alimentari dove lavora tutto il giorno. Insieme alla moglie, aveva già da tempo manifestato la loro disapprovazione nei confronti di quel modo della figlia 12enne di vivere in simbiosi con il cellulare, sempre in chat e sui social network, anche quando la piccola era in compagnia delle amiche o tavola con gli stessi familiari.

Qualche giorno fa il rimprovero del padre e la minaccia di 'sequestrarle' il cellulare e poi, nel turbinio di parole, è volato anche uno schiaffo del genitore alla figlia.

Tuttavia la ferita non passa inosservata a scuola. La giovane studentessa così racconta tutto: dello smartphone, del litigio, del presunto schiaffo. La pratica sarebbe passata quindi velocemente al Tribunale dei minorenni che decide per l'allontanamento dalla famiglia della giovane, ora affidata ad un istituto di suore, mentre il padre viene indagato per maltrattamenti in famiglia.

I genitori della 12enne sono scioccati, ed hanno nomitato un legale per capire quali siano state le circostanze ritenute tanto gravi da decretare l'allontanamento della figlia. E ora il padre è indagato per maltrattamenti.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE