La Soprintendenza: "Via le mani da Ca' Sagredo", pochi giorni per rimuoverle

Brunilde Fioravanti
Aprile 21, 2018

VENEZIA Piacciono a tutti e non c'è turista che, visitando Venezia, non le fotografi. Dopo lo stop definitivo della soprintendenza, si sta lavorando per fare in modo che, con gli opportuni adattamenti, entri in un museo o faccia parte di uno spazio pubblico da recuperare.

Le Mani di Quinn sono già state chieste dal Peggy Guggenheim di New York, ma l'artista è convinto che debbano rimanere nella città di Venezia per protrarre il significato stesso dell'opera: quello di "sostenere" e proteggere la città.

Le mani su Ca' Sagredo devono essere smantellate. "Support", questo il nome dell'installazione, ha totalizzato 230 milioni di condivisioni sui social network, ed è proprio per questo enorme successo che era stata concessa una proroga.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE