Lo stress aumenta con il caldo

Modesto Morganelli
Mag 1, 2018

Le giornate più lunghe, il sole e l'aria più calda invitano al buonumore eppure a volte ci sentiamo più nervosi del solito. La questione non verte sul fatto che il caldo può risultare molto fastidioso, ma è scientifica: la colpa è degli ormoni.

Secondo i ricercatori dell'Università di Scienze Mediche di Poznan (Polonia), l'innalzarsi delle temperature sarebbe decisamente deleterio per il nostro sistema nervoso. I ricercatori dopo aver analizzato il materiale raccolto hanno rilevato che i livelli di cortisolo sono stati più alti quando i test sono stati eseguiti in estate, mentre i livelli di infiammazione non sono cambiati tra le stagioni in maniera significativa. Il cortisolo, definito proprio "l'ormone dello stress", viene rilasciato nel flusso sanguigno durante situazioni stressanti perché aiuta a regolare i livelli corporei di zucchero, sale e liquidi. Si tratta di un ormone indispensabile per la nostra salute perché aiuta a ridurre l'infiammazione. Generalmente sono più alti al mattino, poi diminuiscono gradualmente durante il giorno e in particolare la sera per mantenere il giusto ritmo di sonno. Malattia, mancanza di sonno e alcuni farmaci possono influenzare i livelli di cortisolo più delle normali fluttuazioni giornaliere.

Anche per il 2018 vale il famoso detto 'Non ci sono più le mezze stagioni', in quanto sembra che l'estate sia arrivata con largo anticipo nella maggior parte delle regioni d'Italia. I ricercatori hanno studiato un gruppo di studentesse di medicina in due giorni separati in inverno e per due giorni di nuovo in estate. Questa scoperta contraddice l'idea che l'inverno sia più difficile da sopportare e che l'estate sia invece più gradita. A tutti sono stati prelevati campione di saliva ogni due ore allo scopo di rilevare i livelli ematici di cortisolo, livelli spesso utilizzati come marcatori di infiammazione. Le volontarie hanno anche completato un questionario sullo stile di vita, sulle loro abitudini di sonno, sul tipo di dieta che hanno seguito e i livelli di attività fisica. Alla fine del test gli scienziati hanno accertato che al contrario di quanto si pensa, l'estate non è una stagione rilassante e che il caldo influisce negativamente.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE