Rossi propone l'intervento pubblico per Aferpi

Cornelia Mascio
Mag 17, 2018

Governo, Rfi, Cassa depositi e prestiti, oltre alla Regione Toscana: sono loro i soggetti individuati dal governatore Enrico Rossi per un intervento pubblico su Aferpi, se la trattativa con Jindal dovesse definitivamente arenarsi.

"La Regione e il Ministero dello sviluppo economico hanno fatto davvero di tutto per confezionare un pacchetto in grado di regolare il passaggio di mano dando certezze allo sviluppo dell'azienda, agli investimenti e per tornare a produrre acciaio a Piombino". Le trattative, che avevano subito uno stop due giorni fa, sono andate avanti a oltranza. "Se così non sarà si dovrà pensare ad un intervento pubblico". La Regione è pronta a fare la propria parte. Si sta protraendo e va oltre anche ed è inaccettabile anche in termini di impatto emotivo su un paese intero, su una cittadina, su 2000 lavoratori, su altrettanti che stanno a casa o che lavorano nell'indotto, quindi siamo davvero a chiedere che si faccia alla svelta e si chiuda. "Anche assumendocene direttamente le responsabilità". "Questa ipotesi non la prendete come una battuta perché è un'ipotesi che ha un fondamento nel caso in cui la soluzione prospettata non dovesse andare in porto e in quel caso per quello lavoreremo".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE