Alitalia, in cassa a fine aprile 769 milioni di euro

Cornelia Mascio
Mag 18, 2018

Di Maio e Salvini lo hanno messo nero su bianco nel contratto appena siglato: "Con riferimento ad Alitalia siamo convinti che questa non vada semplicemente salvata in un'ottica di mera sopravvivenza economica bensì rilanciata, nell'ambito di un piano strategico nazionale dei trasporti che non può prescindere dalla presenza di un vettore nazionale competitivo". Il che però pone degli interrogativi. Il risultato operativo, escluse le poste non ricorrenti, è negativo per 167 milioni rispetto a -279 milioni dello stesso trimestre del 2017 mentre l'Ebitda è negativo per 117 milioni, rispetto ai -228 milioni del primo trimestre 2017.

Questo significa che la compagnia continua a non generare reddito. Felice D'Angelo, ha incaricato gli Avvocati Dario Lombardo e Salvo D'Angelo a tutela dei consumatori che - a dire dei legali - non hanno garantiti gli stessi diritti dei passeggeri di altre compagnie aeree; il tutto in violazione degli articoli 20 e 21 della Carta Europea dei Diritti Fondamentali. La cassa finale di cui dispone ad aprile 2018 è di 759 milioni rispetto agli 83 milioni di maggio 2017. E come? "Quale Alitalia" sarà "dipende da voi: tra i poteri dei commissari non c'è l'indirizzo politico". "Per fare una liquidazione ci vuole molto poco, ma noi stiamo cercando di mantenere la compagnia in continuità, non in liquidazione".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE