Aquarius, prima nave di migranti a Valencia

Remigio Civitarese
Giugno 17, 2018

In tutto 523 migranti sono arrivati a Valencia a bordo delle navi italiane.

Le operazioni di sbarco sono iniziate: sono scesi dall'imbarcazione 60 minori (52 maschi e 8 femmine), con uno zaino rosso sulle spalle, e sono stati identificati e assistiti dallo staff di Save the Children. Il primo gruppo di loro, 274 persone, è entrato nel porto di Valencia domenica mattina a bordo della nave Dattilo della Guardia Costiera italiana. Un canto di liberazione, dopo un viaggio-odissea in mare durato nove giorni.

"La guardia costiera ci ha salvati". Avranno un permesso temporaneo di 30 giorni per rimanere in Spagna per ragioni umanitarie, quindi non entreranno irregolarmente e avranno tempo per preparare la loro documentazione. Pertanto siamo in profondo disaccordo con questa situazione, perché è una violazione dei diritti fondamentali e deve terminare immediatamente, terminare per iniziare una discussione necessaria, per affrontare il problema in un modo più globale e responsabile": "lo ha affermato il presidente di Msf Spagna, David Noguera. Ma Dio ha un piano migliore per noi. "Mi ha raccontato - dice Sidonie - che in Libia lo hanno violentato più volte".

Per il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli si tratta di "un momento storico". Comando Guardia Costiera conferma: a bordo nessuna criticità particolare.

"E' stato un viaggio difficile caratterizzato anche dal maltempo - ha detto Claudia Lodesani, presidente di Medici Senza Frontiere Italia -. L'atmosfera a bordo si è rilassata", nel momento in cui i migranti hanno visto terra, quella che ogni volta lambivano tra Sicilia, Sardegna e Baleari, pensavano fosse il tanto atteso approdo. "Quando hanno visto il porto, tutti - persone salvate ed equipaggio - hanno tirato un sospiro di sollievo". Una volta sbarcati questi migranti, è entrata nel porto la nave Aquarius che ha a bordo ancora 106 persone, poi sarà il turno dell'Orione della Marina militare italiana con 249 migranti.Al molo 1 del porto di Valencia sono stati allestiti due grandi tendoni della Croce Rossa dove verrà effettuato il primo screening sanitario per i migranti: chi è in condizioni precarie di salute, le donne incinte e i bambini, verranno portati in ospedale mentre tutti gli altri saranno indirizzati nei diversi centri di accoglienza disposti dalla Generalitat valenciana in tutta la regione.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE