Rupert Stadler, ceo Audi, fermato dalla polizia per il Diesel-gate

Cornelia Mascio
Giugno 18, 2018

A una settimana dalla maxi-multa inflitta da una procura della Bassa Sassonia al Gruppo Volkswagen, la procura di Monaco di Baviera ha emesso un mandato d'arresto nei confronti di Rupert Stadler, CEO di Audi, indagato nell'ambito dello scandalo emissioni "Dieselgate" scoppiato nel settembre del 2015. Lo riferisce la Dpa, citando fonti della Volkswagen.

Insieme a Stadler, in stato di fermo si trova anche un altro top manager, membro del board, di cui però, al momento, non è nota l'identità.

Gli strascichi del Dieselgate non si fermano, ma anzi sembrano ingigantirsi. Pochi giorni fa, infatti, Audi si è trovata costretta a richiamare 60.000 unità fra A6 e A7 su "indicazione" della KBA (un ente paragonabile al nostro Ministero dei Trasporti), mentre perquisizioni e indagini continuano senza sosta. La scorsa settimana la Vw, gruppo del quale è parte il marchio dei quattro anelli, ha accettato di pagare una multa di 1 miliardo di euro decisa dalla procura di Stato di Braunschweig.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE