Cresce il numero dei super ricchi, anche in Italia

Cornelia Mascio
Giugno 21, 2018

(Teleborsa) - Nel 2017, la ricchezza accumulata dai milionari mondiali cresce per il sesto anno consecutivo, toccando per la prima volta quota 70 mila miliardi.

La popolazione degli HNWI continua ad aumentare a livello globale: l'Asia-Pacifico e il Nord America rappresentano il 74,9% (1,2 milioni) dei nuovi HNWI a livello mondiale e il 68,8% (4.600 miliardi di dollari) della crescita globale della ricchezza degli HNWI. La ricchezza degli hnwi è quindi aumentata del 10,6% e il 2017 si classifica così al secondo posto tra gli anni con il più ampio tasso di crescita di hnwi dal 2011. Anche l'Europa ha ottenuto buone performance nel 2017 con un incremento del patrimonio degli HNWI pari al 7,3%. A precedere il Belpaese, rispettivamente, Stati Uniti, Giappone, Germania, Cina, Francia, Regno Unito, Svizzera, Canada e Australia. Nel 2018, solo il 55,5% degli HNWI ha affermato di avere stabilito un forte legame con il proprio wealth manager, nonostante i considerevoli rendimenti degli investimenti realizzati negli ultimi due anni.

I ricchi sono sempre più ricchi. Le azioni sono rimaste la principale asset class nel primo trimestre del 2018, rappresentando il 30,9% del patrimonio finanziario degli HNWI, seguita da disponibilità liquide e attività equivalenti al 27,2% e da proprietà immobiliari al 16,8% (in aumento del 2,8%). Le società di wealth management "hanno chiare opportunità per rafforzare la relazione con i propri clienti dall'elevato patrimonio netto, dato che quasi la metà di loro afferma di non sentirsi molto legato ai propri gestori patrimoniali", ha detto Monia Ferrari, head of banking di Capgemini Italia. Il numero delle persone con asset che possono essere investiti superiori al milione di dollari è cresciuto del 10%, o 1,6 milioni di persone, a un totale di 18,1 milioni di milionari.

Tra i dati evidenziati, c'è la crescente attenzione in tutto il mondo per le criptovalute, da parte dei super ricchi, percepite come strumento di investimento e riserva di valore. Da una tabella contenuta nel report, si apprende che l'Italia ha aumentato la sua popolazione di Paperoni da 252 a 274mila persone, il 9 per cento in più rispetto al 2016.

Anche i Paperoni puntano sulle criptovalute Il rapporto evidenzia anche un maggiore interesse per le criptovalute, che comunque non rappresentano ancora una parte importante dei portafogli degli Hnwi: a livello globale, il 29% ha un alto livello di interesse, mentre il 26,9% è abbastanza interessato. Per affrontare il calo e prepararsi all'ingresso delle BigTech nel settore, i wealth manager stanno accelerando la trasformazione dei loro modelli di hybrid advice e investendo in tecnologie innovative come automazione intelligente e intelligenza artificiale. Già più del 50% degli HNWI intervistati da Capgemini si dice pronto a sperimentare i servizi di gestione patrimoniale degli OTT.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE