Sconto fra Salvini e Saviano: valutiamo se gli serve la scorta

Brunilde Fioravanti
Giugno 21, 2018

Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio, anche perché mi pare che passi molto tempo all'estero. "È una persona che mi provoca tanta tenerezza e tanto affetto, ma è giusto valutare come gli italiani spendono i loro soldi". Lo dice il ministro dell'Interno Matteo Salvini, intervistato ad Agorà, su Rai3. Gli mando un bacione": "una dichiarazione fatta dopo che è stato mandato in onda un servizio in cui lo scrittore antimafia stava criticando il capo del Viminale e rilanciando la necessità dell'introduzione dello Ius Soli.

Pina Picerno parla addirittura di un Salvini "che ha sempre avuto il vizietto delle minacce".

"Salvini - ha aggiunto Rosato - continua ad interpretare il ruolo di ministro in modo arrogante e per le sue campagne personali".

Il riferimento è alle posizioni estremamente critiche espresse dall'autore di "Gomorra" nei confronti del leader della Lega, in tema di immigrazione e non solo. La vera stilettata è giunta a seguire: "Non esiste più un Ministero degli Interni, ma un nuovo dicastero: quello della Crudeltà".

Al culmine della ridda di polemiche, Salvini ha poi fatto una parziale marcia indietro. Roberto Saviano è l'ultimo dei miei problemi, gli mando un bacione se in questo momento ci sta guardando.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE