Grecia, momento storico: addio alla Troika dopo 8 anni

Cornelia Mascio
Giugno 23, 2018

Accordo sull'allegerimento del debito greco, attraverso un'estensione di 10 anni della maturità dei prestiti concessi.

Dopo circa otto ore di negoziato, l'Eurogruppo ha raggiunto un accordo di principio sull'uscita della Grecia dal programma di aiuti che contiene, tra l'altro, misure per alleggerire il debito.

"Un momento storico: anni di sforzi e sacrifici che si concludono e un nuovo capitolo che si apre" ha annunciato il commissario europeo per gli Affari monetari, Pierre Moscovici. "Per la zona euro la conclusione di un programma di aiuti mette fine a una crisi esistenziale della nostra moneta unica alla quale essa ha sopravvissuto", ha aggiunto il commissario francese. I ministri dell'Eurozona hanno infatti, dopo una riunione durata sei ore, trovato un accordo sulla chiusura della revisione del piano di salvataggio: il pacchetto comprende la riduzione del debito, la sorveglianza post-programma e le dimensioni di una tranche finale. Tutte le 88 riforme richieste in cambio della terza tranche di aiuti da €15 miliardi sono state portate a compimento cosa che comporterà lo sblocco dell'ultima parte di denaro dovuto dalle controparti europee.

Dalla crisi finanziaria nel 2010 Atene ha partecipato a tre programmi di salvataggio con i creditori europei per un prestito totale di 241,6 miliardi di euro. Il paese ha poi registrato l'anno scorso un attivo di bilancio dello 0,8% del PIL, rispetto a un deficit pubblico del 15,1% nel 2009.

Come già accennato, la promozione della Grecia è stata decisa al termine di lunghissimi negoziati, che si sono prolungati soprattutto in virtù delle resistenze opposte dalla Germania che, ricordiamo è uno dei principali creditori di Atene. Ogni mese i creditori controlleranno la corretta osservanza delle riforme concordate e se i check-up avranno esito positivo Atene sarà ricompensata con premi finanziari.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE