Mondiale, Puyol cacciato dalla tv iraniana e il motivo è incredibile

Brunilde Fioravanti
Giugno 24, 2018

L'attesa per il bis è durata 20 anni, quando un'autorete del difensore del Marocco Bouhaddouz ha permesso alla squadra di Queiroz, al secondo Mondiale alla guida dell'Iran, di restare in corsa fino all'ultimo per la qualificazione nonostante il ko di misura contro la Spagna. "Non mi hanno voluto per colpa dei capelli troppo lunghi", ha raccontato lo stesso Puyol che da un ventennio non ha mai cambiato la pettinatura che è diventata un po' il suo segno distintivo. Cosa ha detto l'ex Barça in trasmissione? Mi ha guardato e ha offeso mia madre, mia sorella, mia cognata e altri membri della mia famiglia. "Il gol? Avrà toccato cinque palloni in tutta la partita, il gol segnato è stato un colpo di fortuna".

Il dirigente della tv Morteza Mirbagheri ha subito smentito le parole di Puyol, attribuendo la decisione all'eccessivo costo della star spagnola, che l'emittente non poteva permettersi.

Come riferito da 'Sky Sport', il conduttore Adel Ferdosipour ha abbandonato qualche minuto prima il programma visibilmente arrabbiato, mentre il deputato Motahhari ha inviato una lettera al patron della tv di stato sostenendo che quello fatto a Puyol fosse un 'divieto imprudente'.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE