Mondiali: Burger King, pubblicità sessista e

Cornelia Mascio
Giugno 24, 2018

L'indice di tutto il mondo è puntato sulla pubblicità lanciata da Burger King Russia sulla piattaforma social VK, uno dei più famosi social network locali, nella quale l'azienda si era detta pronta ad offrire hamburger gratis a vita - oltre a 3 milioni di rubli, corrispondenti a circa 40mila euro - alle donne russe che avessero avuto rapporti sessuali con calciatori famosi durante i Mondiali. "Come parte della sua campagna di responsabilità sociale, Burger King offre una ricompensa alle donne che riusciranno a farsi mettere incinte delle stelle del calcio", era il messaggio di Burger King.

Poco dopo il lancio della pubblicità l'azienda è stata costretta a ritirarla dalla rete e a scusarsi con i consumatori. "Ci scusiamo per la nostra dichiarazione, che si è rivelata troppo offensiva", è la nota ufficiale di Burger King.

"Si è rivelato troppo offensivo". Vi ringraziamo per il feedback e abbiamo rimosso le informazioni relative presenti sull'applicazione.

Una campagna pubblicitaria sconcertante, che ha portato inevitabilmente alle scuse. Qualcuno sospetta che Burger King abbia volutamente cercato di sollevare un caso mediatico. E ancora: "Ogni donna riceverà tre milioni di rubli e una scorta di hamburger Whopper a vita". "Queste ragazze potranno ottenere i migliori geni del calcio e determinare così il successo della squadra nazionale russa per diverse generazioni".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE