Morbillo, boom in Gb. Attacco a Lega e M5S

Modesto Morganelli
Luglio 8, 2018

Un commento sul quotidiano britannico Times attacca duramente le due forze politiche al governo analizzando i dati che vedono più che raddoppiati i casi di morbillo nel Regno Unito.

Il virus sarebbe stato contratto da turisti inglesi durante la permanenza in Italia, dove negli ultimi mesi sono state necessarie delle leggi specifiche per arginare il problema.

L'aumento dei casi di morbillo in Gran Bretagna, una vera e propria "emergenza nazionale" secondo un allarme lanciato da Public Health England due giorni fa, potrebbe in parte essere stato determinato da cittadini britannici che erano stati contagiati in Italia.

Secondo un documento del Public Health rilanciato ieri in occasione di un appello alla vaccinazione, ci sarebbero "focolai di vaccino in tutta l'Inghilterra": il testo ricorda che sono a rischio maggiore le persone giovani "in ambienti a stretto contatto come i festival, così come i non vaccinati che viaggiano verso la Romania o l'Italia, dove ci sono attualmente ampi focolai". Nello studio si sottolinea che i casi nel Regno Unito sono quasi triplicati in un anno, passando dai 247 del 2017 ai 643 in questi primi sette mesi del 2018.

Ma la copertura vaccinale non è garanzia di nulla e i dati qui sotto, che si riferiscono all'Italia, lo dimostrano. Con il 90% di vaccinati, i casi di morbillo salgono a 4671. A evidenziarlo il ministro della Salute Giulia Grillo oggi in conferenza stampa a Roma. Sul morbillo, però, bisogna lavorare ancora molto: "non, tuttavia, applicando sanzioni bensì facendo capire ai cittadini quanto i vaccini siano importanti e quanto sia determinante l'adesione volontaria".

"La gran parte dei cittadini ha dubbi legittimi che non sono stati sciolti dalle istituzioni sui tempi di somministrazione dei vaccini, sul loro numero. È chiaro - ha concluso - che in questo modo non si risolve la questione delle frange estreme anti-vaccinali, ma queste riguardano una percentuale ridotta della popolazione".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE