Pensioni, da quota 41 a quota 42. Resisterà quota 100?

Cornelia Mascio
Luglio 11, 2018

Ecco tutte le novità su pensioni d'oro e ricalcolo. L'obiettivo è di raccogliere nelle casse dello Stato un miliardo.

Il piano del esecutivo targato Lega-M5S sul taglio delle pensioni d'oro, riguarderà le pensioni superiori ai 4000 euro. In questo modo la platea dei pensionati si allargherebbe da circa 30mila a oltre 100 mila e il risparmio per lo Stato si attesterebbe sul miliardo di euro. Come? Con una sforbiciata alle pensioni da 4mila euro in su. Niente di ufficiale, intendiamoci: si parla di indiscrezioni, ma per ora dal governo non è arrivata nessuna smentita.

Il vicepremier e Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha criticato duramente, con un post su Facebook, quanto detto da Boeri incolpandolo di fare politica e di volere più immigrati per pagare le pensioni. Luigi Di Maio non punta solo al quota 100, ma mette nel mirino chi in questi anni ha usufruito di privilegi non meritati: abolizione immediata dei vitalizi alla Camera e rinnovo dei vertici della Cassa depositi e prestiti. Secondo Boeri la quota 41 aggiunta alla quota 100 (con cui invece si può andare in pensione, una volta compiuti 64 anni, se la somma dell'età anagrafica e dei contributi maturati dà come risultato 100) costerà 11 miliardi di euro nell'immediato, 18 miliardi a regime; una spesa ingente per lo Stato ed è per questo che si sta anche valutando l'idea di portare la quota 41 a quota 42, innalzando di un anno il requisito contributivo previsto.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE