Ciclopista del Garda, l’assessore Magoni: è la più bella del mondo

Remigio Civitarese
Luglio 18, 2018

Ha aperto sul Lago di Garda il primo tratto della Ciclopista dei sogni come è stata ribattezzata la Garda by Bike, la pista ciclabile più spettacolare d'Europa.

L'inaugurazione si è tenuta nel pomeriggio di sabato.

La ciclopista sospesa è larga due metri e mezzo, ed è aperta anche ai pedoni: c'è il rischio quindi che si creino conflitti fra ciclisti e pedoni. "In questo modo ricordiamo a noi stessi e al mondo che siamo artigiani dello splendore". "La ciclopista più bella del mondo non poteva che essere in Lombardia", ha aggiunto l'assessore puntando l'accento sui "risvolti economici importanti" che ha suo giudizio la nuova infrastruttura potrebbe avere sul comparto turistico lombardo. La pista ciclabile ora è liberamente percorribile, 24 ore su 24. "Un progetto fantastico che inauguriamo a pochi giorni dallo sblocco voluto dal Governo di 316 milioni di euro per un piano nazionale di ciclovie" ha detto Toninelli. Un puzzle complesso di tratti già pronti, altri da realizzare, con l'utilizzo di piste e percorsi già esistenti e la valorizzazione di eventuali interconnessioni e collegamenti, che dovrebbe completarsi entro il 2021.

È questo il commento di Lara Magoni, assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e Moda, intervenuta all'inaugurazione della "ciclopista del Garda", nel tratto tra Limone del Garda e il confine trentino.

IL PRECORSO - Due chilometri incastonati a sbalzo sul lago, un nastro largo 2,60 metri appeso al costone perpendicolare alla montagna e sospeso a circa 50 metri sul livello dell'acqua, una vera e propria "opera d'arte realizzata con strumenti e procedure d'avanguardia grazie alla fiducia e al lavoro di tutti i livelli istituzionali".

La ciclopedonale fa parte di un progetto che prevede la realizzazione intorno a tutto il lago.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE