Salvini al presidente dell'Egitto: fare piena luce su Regeni

Remigio Civitarese
Luglio 21, 2018

"Al Sisi ha promesso risposte certe in breve tempo". Lo ha reso noto il Viminale, parlando di un incontro "lungo e cordiale", al quale ha partecipato anche il ministro dell'Interno egiziano.

Il vice primo ministro e ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, è volato ieri al Cairo dove è stato ricevuto dal presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi. Io comprendo bene la richiesta di giustizia della famiglia di Giulio Regeni. Il vice premier ha anche offerto la disponibilità da parte dell'Italia a rafforzare la collaborazione nel contrasto al terrorismo e alla criminalità organizzata. Lo ha affermato il portavoce della presidenza egiziana, Bassam Radi, in un comunicato diffuso dopo la conclusione dell'incontro svoltosi oggi al Cairo. Nel testo si ribadisce del desiderio dell'Egitto di "cooperare con le autorita' giudiziarie" dell'Italia. Inoltre, Salvini "si è felicitato per la cooperazione delle autorità egiziane nel caso dell'uccisione di Giulio Regeni per accertare la verità e arrestare i criminali che ne sono responsabili".

Su quest'ultimo tema il presidente egiziano ha sottolineato l'importanza di raggiungere l'unificazione dell'esercito in modo da aiutare il Governo di Accordo Nazionale, sostenuto dall'Italia e dalla comunità internazionale, a liberarsi delle milizie che dal 2016 lo tengono in ostaggio interferendo sui processi decisionali dello stato. Sono state quindi esaminate questioni internazionali e regionali di interesse comune, ed in particolare gli ultimi sviluppi del dossier libico e dell'emigrazione clandestina nel Mediterraneo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE