Ilva, Di Maio: 'Piano occupazionale non basta: ArcelorMittalbatta batta un colpo'

Cornelia Mascio
Agosto 8, 2018

È stata inviata questa mattina all'Avvocatura generale dello Stato la lettera con la richiesta di parere in merito a possibili anomalie relative alla procedura di gara su Ilva. E il terzo il fatto che non si sia dato luogo a fasi di rilancio durante l'asta che avrebbero potuto generare offerte migliorative sia dal punto vista economico, che ambientale e occupazionale.

La lettera si chiude con la richiesta di "un parere circa l'effettiva sussistenza di ragioni di interesse pubblico tali da legittimare l'eventuale annullamento d'ufficio" degli atti. Io voglio dire a tutti che mi sono trovato un accordo firmato nel cassetto e un trattativa mai fatta, vediamo cosa ci dirà l'Avvocatura - ha spiegato Di Maio - Potrebbe anche dire che non ci sono i presupposti per il ritiro in autotutela della gara. "Non ha senso rivederci" se non cambia l'offerta sull'occupazione, ha aggiunto Di Maio. Infine, Di Maio chiede se vi sia un "possibile conflitto di interessi derivante dalla circostanza che uno dei componenti del comitato di sorveglianza delle società del gruppo Ilva in amministrazione straordinaria in rappresentanza del ceto creditorio è stato indicato da una società presieduta da parte di presidente di una delle società componenti la cordata poi risultata aggiudicataria".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE